Reviews

Chi se ne frega del 1995, noi c’abbiamo il 2020

“Checcefrega der Cileno, noi c’avemo Tottigol… Tottigooo… Tottigoo…”: ai tifosi romanisti scenderà una lacrimuccia, ripensando…

L’evoluzione del broken beat (ci salverà?)

C’è stato un momento (per chi ha memoria storica, in primis del primo decennio del…

Young Signorino si è calmato. Pure troppo

Ci avevamo creduto, in Young Signorino. Se seguite queste pagine da un po’ sapete che…

Technoir, prendere coraggio e combattere gli algoritmi

Nella prima metà dell’anno avevamo speso parole importanti sui Technoir: già bravi di loro, ci…

Rap ed appartenenza: se Speranza s’intreccia con DDR

“Daniele De Rossi o dell’amore reciproco” di Daniele Manusia (scrittore e giornalista sportivo che mi…

Synth/pop/dance, tra ’80 e primi ’90: devi saperlo fare a modo

Ogni tanto ci sono delle condizioni fortuite che ti accendono delle lampadine: e ritrovarsi nello…

Autechre, il “Sign” giusto al momento giusto

Ha diviso, questo nuovo lavoro degli Autechre. E non poteva essere altrimenti. Loro sono diventati…

Il nuovo Public Enemy? Non mentiamoci, è una tristezza

Si è fatto un gran parlare – o almeno, l’argomento è apparso più volte nella…

FSK, al di là del bene e del male

Una delle cose più gustose degli ultimi giorni – da osservatore del rap – è…

L’archeologia della trap è Tricky

“Ci potevo anche arrivare prima”, mi sono detto, più volte. Massì: perché probabilmente anche prima…