Place To Be, Nameless: la direzione giusta (e l’effetto che fa)