Autechre, il “Sign” giusto al momento giusto