Sónar 2020: ok, la line up è giusta