Sacro e Profano, la Roma di Capibara