Meno Wang, meno Peggy, più Planet Mu: la musica che vogliamo