Macao, le OGR, gli spazi occupati e il feticcio della (il)legalità