La stupidità della burocrazia italiana colpisce ancora: ora tocca a Club To Club