Il continuo “rise” dei Pôngo