Venetian Snares, la prolificità, l’utilità degli archivi: “Lost Sleep EP”