“Sky” di Audion: buona la prossima?