Perché le classifiche possono (anche) avvelenare l’aria