La vita prima e dopo “Syro”: (non) è questione di IDM