Mattia Trani, “Scenery”: questa non è (e non può essere) una recensione

Previous Article
Ma allora ditelo