Lo “scandalo” roBOt (che scandalo purtroppo non è)