La “Guerra dei Roses” di Yussef Kamaal: una brutta fine (per un nuovo inizio?)