Draghi, capponi e “movida”