Come tenere la rotta giusta (a Roma e non solo): il caso Minù