Il “coglione” stavolta è nelle fila Giegling: Konstantin, ma come stai messo