Armin Van Buuren, sei un coglione