“Caracal” dei Disclosure: la via più semplice non è sempre la migliore