Ufficiale (e ridicolo): a Gianluca Vacchi una residency sulla terrazza dell’Amnesia