Perlon e il “non-Superlongevity” al numero 100