La propria intimità, e i suoi demoni: “Salvador”, Sega Bodega