La coraggiosa “terra di mezzo” di go-Dratta