Eric Prydz: l’abbandono di ogni pseudonimo per il rilascio di “Liberate”