No, l’mp3 non è morto: anzi, è più vivo che mai