Nocturnal Sunshine: ” Full Circle”, se il moniker è meglio dell’originale