“Vogliamo continuare a vivere”: lettera di un esercente veneto