Se Spotify è stronza è colpa (anche) nostra