L’anno in cui il video pop divenne “hot” e ci sfuggì di mano