Quando il Mondoriviera è lunare e surreale