Quando Diego era anche “nostro”