Addio Lyle Mays, il rivoluzionario silenzioso del jazz