L’incontro fra Jaar e Parajanov, un “maledetto” del cinema sovietico

Un regista controverso, spesso pesantemente ostracizzato in patria – ovvero all’epoca l’Unione Sovietica – per film “non conformi ai principi guida del realismo socialista” (oltre che per comportamenti personali sopra le righe): questo è Sergei Parajanov, regista armeno-georgiano-ucraino scomparso nel 1990.

Una storia umana e una cifra artistica che devono aver colpito molto Nicolas Jaar: il producer cileno-americano (a proposito di gente con multiple patrie) ha deciso infatti di musicare ex novo uno dei capolavori di Parajanov, “The Color of Pomegranates”. Ottanta minuti di musica spesso ai limiti estremi di astrazione e sperimentazione che potete sentire direttamente – nel connubio audio/video – sull’account ufficiale YouTube della Other People, la prolifica e multiforme label fondata da Jaar stesso.

[accordion]
[item title=”TRACKLIST”]

Garden of Eden
Construction
Pass the Time
Survival
The Fool and his Harem
Being and Nothingness
Near Death
Beasts of this Earth
Fall into Time
Folie à Deux
Screams at the Edge of Dawn
Divorce
Three windows
Touristas
Shame
Tower of Sin
Kapital
Volver
Spirit
Muse
[/item]

[/accordion]