La logica di Nicolas Jaar: la musica come mezzo, non come fine