La line up italiana non è (più) un ripiego: il caso Alternate