La lezione di Club To Club e di Torino (e la competizione resta competizione)