Kaytranada: la libertà di fare un disco normale