I Subsonica, Lorenzo Senni, vecchi equivoci, nuovi limiti e la voglia di tornare per strada