Gemme dimenticate: Quiet Village vs. Massive Attack

Ogni tanto riaffiorano gemme assolute. Gemme che rischiavano di andare perdute, magari per beghe di contratti discografici o altro. Questo remix ad opera di Quiet Village (il progetto “tranquillo” di Matt Edwards aka Radio Slave in combutta con Joel Martin) se non ci inganniamo – e se teniamo fede alle stesse parole di Edwards, che lo definisce “unreleased dub” sul suo profilo Facebook – non aveva mai avuto un’uscita ufficiale, anche se fra i connoisseurs della scena era un vero oggetto di culto già da anni. E come non potrebbe esserlo: “Protection” viene ulteriormente rarefatta, assumendo una leggerezza aerea, meditativa, intensissima ed inquietante al tempo stesso.

Ora che i Massive Attack stanno tornando (abbiamo parlato dell’antipasto, aspettiamo l’album) questo può essere un modo bellissimo per coglierne l’immenso valore. Così come fa da reminder su fatto che i vari artisti – e pensiamo in questo caso ad Edwards – potrebbero e dovrebbero avere una sensibilità che va anche oltre il dancefloor. In tempi in cui è facile mixare, è facile “azzeccare” la giusta formula per avere un minimo di attenzione nel circuito del club se ci si concentra sul suono-del-momento, noi per primi dobbiamo chiedere e pretendere sensibilità maggiori, multiformi e sfaccettate agli artisti. Quindi ecco, amiamo il Radio Slave da pista, ma lo amiamo ancora di più proprio perché possiede questa “altra faccia” artistica. Buon ascolto, buon godimento.