Tra due mesi, una fotografia definitiva dell’Italia “elettronica” (e in fuga…) di questi anni