Coronavirus, ordinanze e cultura: la mossa di Milano, la sclerosi di una nazione