Con “Soft Touch Records” Seth Troxler si fa in tre