Ci vuole pazienza: se le realtà virtuose rimandano al 2021