Anatomia di un disco importante: i fantasmi di “Ghosteen”