L’infuocato febbraio del Dude, tra grandi nomi e tanti italiani